In ricordo di Giuseppina Coppola

11 agosto 2020 

Al Movimento Ecclesiale Carmelitano

Miei cari,
Ieri ci ha lasciato Giuseppina Coppola donandoci una bella eredità di affetto e di fede. Negli ultimi giorni pur nella sofferenza estrema, il suo volto si illuminava quando le dicevano che nel Movimento molti pregavano per lei, soprattutto quei Padri (Tarcisio, Paolo, Gigi, io stesso…) e  tanti amici che l’avevano accompagnata nel corso della sua esperienza ecclesiale.

Lei stessa ricordava sempre volentieri il giorno dell’incontro con P. Tarcisio Favaro, come quello della sua conversione, e quello in cui aveva cominciato ad amare il Carmelo e i suoi Santi, appassionandosi ai loro Scritti che lesse approfonditamente, sempre lieta di poter comunicare agli altri le sue conoscenze e l’invito a condividere la nostra bella storia ecclesiale.

La sua  fedeltà agli incontri di comunità (anche quelli regionali e nazionali)  era encomiabile e sempre attesa e gradita. La responsabilità che ha esercitato per tanti anni nella comunità di Alcamo e Castellammare è sempre stata esercitata da lei con una dedizione che traspariva anche quando era corredata da aspetti dovuti al suo carattere deciso e a volte intransigente.

In questo momento sento il bisogno di  ringraziare anche la sua famiglia (il marito Matteo e i figli Daniele e Paolo) e di ricordare a tutti il fraterno dovere che abbiamo di accompagnarla in Paradiso con la preghiera più affettuosa.

P. Antonio Maria Sicari

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
error: CONTENUTO PROTETTO