UN DONO “RESTITUITO”

UN DONO “RESTITUITO”

 

Capita a volte di guardarsi negli occhi e di pensare esattamente la stessa cosa.

Quando circa sei mesi fa, come Direttivo di Casa Delbrêl, ci siamo incontrati per verificare i lavori della casa di housing sociale, che sarebbe servita per far raggiungere una piena autonomia alle mamme e donne che erano state accolte per un primo percorso in comunità a Casa Delbrêl, non c’è stato bisogno di parlare: tutti avevamo in cuore il desiderio di intitolare la nuova casa al nostro caro amico Luciano Consoli.

Domenica 24 ottobre 2021, data a noi cara perché ricordo della nascita di Madeleine Delbrêl e giorno scelto quest’anno da Papa Francesco per celebrare la giornata missionaria mondiale, abbiamo inaugurato questa nuova unità abitativa.

Alla presenza dei familiari, di amici e delle persone che ci hanno aiutato nella concretizzazione di questo progetto, abbiamo vissuto un semplice, ma intenso momento di testimonianza.

Clementino Rossi e Mauro Tebaldi con le loro mogli hanno raccontato in modo spontaneo ed efficace  come è nata ed è cresciuta negli anni la loro vera amicizia con Luciano, sottolineando la  sua disponibilità e la sua attenzione nei confronti di tutti, specialmente degli ultimi, e la sua certezza che l’incontro con Gesù Cristo aveva reso felice la sua vita e quella della sua famiglia.

Ce lo hanno ricordato proprio così, come l’avevamo conosciuto: rimandava a qualcun Altro, aveva tempo per tutti, era sempre pronto ad accogliere e comunicava la speranza che quello che aveva fatto avrebbe avuto un senso perché era radicato su Qualcuno di più grande.

Certi che Luciano ci accompagnerà in questo cammino, desideriamo restituirgli, attraverso questa Opera, un poco dei doni da lui ricevuti.

Il Direttivo di Casa Delbrêl

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
error: CONTENUTO PROTETTO